bottone livetv

bottone ondemand

bottone reporter

bottone tg

Gli sbandieratori di Lucca conquistano il titolo nazionale

tx-base-logo-dilucca.html

La Contrada Sant’Anna in Piaggia di Lucca si laurea campione d’Italia alla trentaseiesima parata della Bandiera a Riva del Garda (15-17 settembre) acquisendo di diritto il titolo di Miglior Compagnia del 2017 davanti a più di trecento atleti provenienti da tutte le zone d’Italia. Nel gruppo della grande squadra tra i protagonisti si è distinto l’avvocato di Capezzano Pianore Michele Venturini.

 

 

 

 

di Andrea Boccardo

 

 

Sull’estremità settentrionale del Lago di Garda, in quell’unico lacerto azzurro che appartiene per cultura e per legge alla provincia autonoma di Trento, Riva del Garda si erge con la sua torre civica e il nitore medievale a dispetto dei venti che la attraversano: da sud, un grecale marino caldo e umidificato dall’acqua che sale da Sirmione. Da nord, la brezza ghiacciata delle prime vette alpine, che scende dal passo del Ballino ed espande la pianura che dal castello di Arco si tuffa nel lago.

 

 

Il bianco e il nero, il gelo e l’estate combattono ogni giorno in questo paese d’incanto, laddove gli sbandieratori di tutta Italia, nei loro sontuosi abiti bassomedievali, rievocano nella metà di settembre le antiche lizze in armi e le parate che coinvolgevano i festeggiamenti rionali dopo la vittoria in battaglia contro una città vicina. I ragazzi della Contrada Sant’Anna si sono preparati per mesi nell’esibizione meticolosa di un’arte tanto affascinante da ammirare quanto pericolosa da giostrare, con i contendenti che vibrano la bandiera come se fosse una bacchetta magica.

 

 

Nulla hanno da invidiare gli spettatori di questa kermesse rispetto agli ispanici che idolatrano la corrida: si ritrova lo stesso turbinio di colori, lo stesso sprezzante odio per il pericolo che lasciò Hemingway di stucco. E alla fine, chi alza la coppa lo fa ritrovando se stesso dopo aver perduto per un istante la propria anima dentro al drappo che volteggia nell’aria. Matteo Brogi e Gianluca Mazzoni la issano come campioni d’Italia in coppia tradizionale, portando a casa anche il trofeo Piccola Squadra insieme a Federico Degl’Innocenti e Mattia Barbella.

 

 

Come secondi classificati nell’assolo musici vediamo un nutrito gruppo con Gil Hagelstein, Flavio Notari, Giulia Graziani, Sara Nannini, Elisa Nannini, Laura bertini, Francesca Lucarotti, Marco Campagna, Letizia Tartari, Arianna Pelletti e il dott. Michele Venturini, unico versiliese di stanza a Lucca.

 

 

Terzi classificati in Grande Squadra si sono posizionati di nuovo Matteo Brogi, Gianluca Mazzoni, Federico Degl’Innocenti, Mattia Barbella, Michele Venturini insieme a Marco Rossi, Luca Citarella, Giuseppe Mellone, Emanuele Lucchesi e Gabriele Gianni.

 

 

“ Innanzitutto siamo contentissimi per questi premi, sia per gli sbandieratori che per i musici, due attività diverse ma complementari nella nostra disciplina. “ commenta entusiasta Michele Venturini, che quotidianamente viene a Lucca da Capezzano per allenarsi “ Il palcoscenico di Riva del Garda è ciò che di più coinvolgente e stimolante può richiedere uno sbandieratore. Siamo orgogliosi di essere venuti in Trentino e di aver reso fiera la nostra terra, lo spirito del gruppo è alle stelle e credo che nei momenti di esibizione quello che conta di più è trovarsi fianco a fianco con il tuo compagno e condividere lo spettacolo e le emozioni. “

 

 

In questa piccola grande città transculturale, che vide Goethe e Dürer scendere dalle lande germaniche attratti dal clima mite della valle e dalla cortina delle Alpi che la sovrastano, il gruppo sbandieratori città di Lucca ha issato il proprio blasone al di sopra della fatica, del sudore e del tragitto che la volontà compie dall’anonimato al trionfo.

 

 

 

Andrea Boccardo

sice 230x230 

telnet 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

logo dilucca livestream channel

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.