bottone livetv

bottone ondemand

bottone reporter

bottone tg

Tony Munzlinger in mostra a Casoli

tx-base-logo-dilucca.html

Una serie di eventi imperdibili disposti a Villa Murabito di Casoli dal Camaiore Film Festival nell'ambito della sezione Il festival in collina. Grande protagonista l'arte eccentrica del tedesco Tony Munzlinger, la cui inaugurazione è stata sabato 5 agosto. 

 

 

 

 

di Andrea Boccardo

 

 

Il Camaiore Film Festival entra nel vivo della manifestazione sullo sfondo della mirabile cornice di Villa Murabito a Casoli, dove grazie alla cura meticolosa di Daniela Cappello e Massimiliano Merler l'arte torna a risplendere come un quadro di valore restaurato e tirato a lucido. E il pittore issato in cima alla collina porta il nome nientemeno di Tony Munzlinger, il geniale renano di Wittlich che ha scelto l'Italia come luogo ambìto per esplodere la magia dei suoi colori. Il catalogo della mostra porta la prestigiosa firma di Maria Pacini Fazzi, direttrice della gloriosa casa editrice fondata a Lucca: presente la figlia Francesca. Da quell'anno, le fortune della casa si sono ingigantite seguendo il percorso della storia prima lucchese ed in seguito toscana, di pari passo con l'importanza del premio Repaci di Viareggio.

 

 

Nonostante l'assenza di Tony, la sua voce parla attraverso le installazioni, sapientemente disposte al pianterreno del gioiello di Villa Murabito da Massimiliano e Daniela. Villa Murabito riapre i battenti nella sua fierezza, egregiamente tirata a lucido nonostante le doverose migliorie da prestare il prima possibile alla struttura, e lo fa alloggiando nella visione molti visitatori e amici. Presente anche un altro nome di qualità dell'arte camaiorese, Carlo Cipollini, con un trittico delizioso all’ingresso della villa: suo il "Tributo a Tony - Premio Viareggio 1976". 

 

 

" Abbiamo voluto fortemente strutturare una mostra su Munzlinger" afferma raggiante Massimiliano di fronte ai tanti presenti e alla signora Munzlinger, che porta i saluti di Tony " non solo perché lo conosciamo personalmente, ma soprattutto perché il suo portato rappresenta uno dei massimi contributi all'arte moderna. Il matrimonio tra il segno grafico e letterario esplora il rapporto cruciale tra significante e significato, non senza una dose massiccia di ironia verso le storture della società contemporanea."

 

 

“ Ho incontrato tre volte Tony in vita mia ed è stata un’esperienza molto intensa, quell’uomo riesce ad esprimere con i movimenti dei muscoli facciali interi mondi che poi con la sua arte riversa nella pittura. Il festival entra più che mai nel vivo.“ è stato il commento di Joel de Petris direttore del Camaiore film Festival.

 

 

" La collaborazione con il Camaiore film festival procede a gonfie vele " gli fa eco Bruno Viviani del Rotary Viareggio Versilia, che ha aiutato nei variegati progetti estivi " e per noi è un onore mescolarci al milieu culturale di una comunità così affascinante come quella di Casoli."

 

 

" La presenza indispensabile della Pacini Fazzi " conclude Daniela " aggiunge il tocco di classe, oserei dire femminile. La cura di un catalogo di opere è tanto importante quanto la sommatoria delle opere stesse, e crediamo di aver puntato su un cavallo di razza sublime come la casa editrice lucchese. "

 

 

L'omaggio a Ugo Tognazzi, asse portante del Camaiore Film Festival quest'anno, è previsto per domenica 6 agosto con la proiezione de La vita agra, film culto di Carlo Lizzani. Mercoledì 9 sará invece la volta di Tony Capuozzo con il documentario Tra guerre e immigrazione, e a seguire il film Roma Termini di Bartolomeo Pampaloni.

 

 

Giovedì 10 alle 19 e 30 è attesa l'esposizione delle opere di Vittorio Grotti, ennesima figura di riferimento per la cultura della Versilia anni '70, che verrà raccontata dalla famiglia presente per l'occasione. Massimilano inoltre porterà il finissage della mostra "Tony" a Viareggio alla notte bianca, insieme ai bravi stagisti dell'Università di Pisa che molto si stanno adoperando per la riuscita. 

 

 

Il festival di Casoli vedrà la sensazionale chiusura col botto venerdì 11 alle 21 e 30 con lo spettacolo teatrale Tennessee Williams night diretto da Roberto Panichi. Con il mitico drammaturgo autore di un capolavoro assoluto come Un tram che si chiama desiderio termina la ridefinizione culturale di un luogo incantato troppo spesso dimenticato precedentemente, e di cui Merler e la Cappello hanno intuito le fervide potenzialità. Potenzialità che per la prima volta diventano realtà esplosive.

 

Andrea Boccardo

 

sice 230x230 

telnet 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

logo dilucca livestream channel

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.