bottone livetv

bottone ondemand

bottone reporter

bottone tg

Il Santo del giorno, 12 Novembre: S. Giosafat, martirizzato in Bielorussia, per voler ricongiungere la chiesa locale a Roma - S. Renato di Angers

12 nov St Josaphat Saint of Ruthenia

Martiri non furono solo quelli dei primi secoli del Cristianesimo: ve ne sono oggi, come secoli addietro, giacchè chi ha l'ardire di difendere le proprie idee religiose, trova facilmente chi, per interesse o pazzo fanatismo, è disposto a tronacare la vita divenuta un esempio di coerenza.

Così accade a Giosafat, nato in Ucraina ed ucciso selvagiamanet in Bielorussia.

 

Da Angers a Sorrento, la storia di un vescovo e di un bambino...rinato!

di Daniele Vanni

San Giosafat Kuncewycz, Vescovo e martire

Wolodymyr in Volynia, Ucraina, 1580 - Vitesbk, Bielorussia, 12 novembre 1623

Giosafat fu il quarto re di Giuda.

La Valle più famosa, che invece porta questo nome, viene menzionata in Gioele 3,2. Nel passo si parla di un'adunata di tutte le nazioni e questo ha fatto pensare che si tratti in effetti del Giudizio Universale (Manzoni mette in bocca all'Azzecca-garbugli nei Promessi sposi questa versione). E’ una valle, detta Cedron, situata tra la Città Vecchia di Gerusalemme e il Monte degli Ulivi. Deriva dal nome ebraico Jehoshaphat, che significa "YHWH ha giudicato".

Il nome "Cedron", in ebraico significa "oscuro", poiché originariamente questa valle era più profonda.

Il santo che porta questo nome, nasce invece in Ucraina, nel 1580 e viene ricordato come il simbolo di una Russia ferita dalle lotte tra Ortodossi e Uniati, cioè chiese tornate sotto Roma.

Nato da genitori appartenenti alla nobiltà ucraina, nonché ferventi ortodossi, Giovanni si formò a Vilnius (nell'odierna Lituania) in un periodo caratterizzato dall'intenso scontro tra ortodossi tradizionalisti e uniati di rito greco, i quali, sulla scia del Concilio di Firenze (1451 - 1452, quelle dei bellissimi affreschi di Palazzo Medici Riccardi), si erano ricongiunti alla Chiesa cattolica con l'Unione di Brest, riconoscendo al Papa il ruolo di guida di tutta la Chiesa.

Si tentava così un'unione della Chiesa greca, con quella latina: mantenendo i riti e i sacerdoti ortodossi, ma ristabilendo la comunione con Roma.

Questa Chiesa, detta «uniate», incontrò l'approvazione del Re di Polonia e del Papa Clemente VIII.

Gli ortodossi, però, accusavano di tradimento gli uniati, che non erano ben accetti nemmeno dai cattolici di rito latino.

Giovanni Kuncevitz, che prese il nome di Giosafat, fu il grande difensore della Chiesa uniate. Dopo profonda riflessione, decise di aderire ai greco-cattolici, indi per cui, nel 1604 divenne monaco con il nome di Giosafat ed entrò nel monastero, retto dall'ordine di San Basilio, della Santa Trinità, sito in Vilnius, dove nel 1617 iniziò la riforma che portò alla nascita dell'Ordine Basiliano di San Giosafat.

Monaco, priore, abate e finalmente arcivescovo di Polock, intraprese una riforma dei costumi monastici della regione rutena, migliorando così la Chiesa uniate.

Ritiratosi, infatti, nell’antico monastero basiliano della SS. Trinità, mutò il nome da Giovanni in quello di Giosafat e visse per alcuni anni da eremita. Scrisse anche alcune opere per dimostrare l’origine cattolica della Chiesa rutena e la sua dipendenza primitiva dalla Santa Sede e per propugnare la riforma dei monasteri di rito bizantino ed il celibato del clero.

Il suo esempio ripopolò di monaci il suo stesso monastero e Giosafat dovette fondarne altri a Byten e a Zyrowice (1613). Creato vescovo titolare di Vitebsk e poi di Polock, ristabilì l’ordine nella diocesi, restaurò chiese e riformò il clero.

Ben presto, però, sorsero violente opposizioni da parte dei dissidenti: nell’autunno del 1623, mentre usciva dalla chiesa dove aveva celebrato le sacre funzioni, Giosafat fu ucciso a colpi di spada e di moschetto ed il suo corpo buttato nella Dvina.

Patrono: Ecumenisti

Emblema: Bastone pastorale, Palma

Martirologio Romano: Memoria della passione di san Giosafat (Giovanni) Kuncewicz, vescovo di Polotzk e martire, che spinse con costante zelo il suo gregge all’unità cattolica, coltivò con amorevole devozione il rito bizantino-slavo e, a Vitebsk in Bielorussia, a quel tempo sotto la giurisdizione polacca, crudelmente assalito in un tumulto dalla folla a lui avversa, morì per l’unità della Chiesa e per la verità cattolica.

Renato di Angers (... – V secolo) è stato vescovo di Angers nel V secolo ed è considerato santo dalla Chiesa cattolica.

La leggenda narra di un vescovo francese di nome Maurilio, che viveva nella città di Angers nel V secolo, e che un giorno fu chiamato ad assistere un bambino moribondo. Essendo stato trattenuto da un compito urgente, arrivò troppo tardi per battezzare il bambino. Sentendosi responsabile, Maurilio lasciò la città, gettando le chiavi del tesoro della cattedrale in mare, e si imbarcò su una nave, diretto in Inghilterra. Nel frattempo, gli abitanti di Angers, che avevano trovato le chiavi all'interno del fegato di un grosso pesce catturato dai pescatori, rintracciarono il vescovo e lo convinsero a tornare. Arrivato ad Angers, Maurilio pregò sulla tomba del piccolo, che miracolosamente resuscitò. Maurilio lo battezzò come René (francese per Renato, ovvero rinato).

Renato divenne a sua volta vescovo di Angers e fu santificato.

Culto

La commemorazione del santo avviene il 12 novembre.

I conquistatori angioini in Campania vennero a conoscenza della devozione del santo locale, Renato di Sorrento, probabilmente uno degli eremiti vissuti sulle colline di Sorrento nei primi tempi del Cristianesimo. Dal momento che i due santi sembravano essere contemporanei ed erano accomunati da un aspetto simile (un uomo calvo, vecchio, con una lunga barba), si formò un unico culto, spiegato con la leggenda del vescovo di Angers giunto in età avanzata a Sorrento e divenuto il nuovo vescovo della città campana.

sice 230x230 

telnet 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

logo dilucca livestream channel

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.