bottone livetv

bottone ondemand

bottone reporter

bottone tg

Il Santo del giorno, 16 Luglio: Beata Vergine Maria del Carmelo o del Carmine, Patrona di Capannori e di innumerevoli paesi del Sud Italia. Dal Monte Karmel, giardino-paradiso di Dio ai Frati Carmelitani

16 luglio carmelo tiepolo

Dal monte Carmelo (Karmel: giardino-paradiso di Dio) ai Carmelitani, alle tante feste, come quella di Capannori, di cui questa Madonna è Patrona e del Convento dei Frati della Madonnina (con Padre Silverio Coletti), Massarosa, Castiglione Garfagnana e tutto il Sud Italia, dove "Carmine" è, non a caso, uno dei nomi più diffusi!

di Daniele Vanni

 

 

Il primo profeta d'Israele, Elia (IX sec. a.C.), dimorando sul Monte Carmelo, ebbe la visione della venuta della Vergine, che si alzava come una piccola nube dalla terra verso il monte, portando la pioggia e salvando Israele dalla siccità.

In quell’immagine tutti i mistici cristiani e gli esegeti hanno sempre visto la Vergine Maria, che portando in sé il Verbo divino, ha dato la vita e la fecondità al mondo.

Maria, o meglio: Miriam, l’amata da Dio, dall'egiziano. O: signora, in ebraico.

I Carmelitani non hanno mai riconosciuto a nessuno il titolo di fondatore, rimanendo fedeli al modello che vedeva nel profeta Elia uno dei padri della vita monastica.

Il monte Carmelo è una catena montuosa lunga una quarantina di chilometri, che si trova nell'Alta Galilea, all’interno del porto di Haifa.

La Tradizione racconta che già prima del Cristianesimo, sul Monte Carmelo (Karmel = giardino-paradiso di Dio) si ritiravano degli eremiti, vicino alla fontana del profeta Elia, poi gli eremiti proseguirono ad abitarvi anche dopo l’avvento del cristianesimo e verso il 93 un gruppo di essi, che si chiamarono poi: ”Fratelli della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo”, costruirono una cappella dedicata alla Vergine, sempre vicino alla fontana di Elia.

Fra il 1207 e il 1209, il patriarca latino di Gerusalemme (che allora aveva sede a San Giovanni d’Acri), Alberto di Vercelli, redasse per gli eremiti del Monte Carmelo i primi statuti (la cosiddetta regola primitiva o formula vitae).

La regola prescriveva veglie notturne, digiuno, astinenza, rigorosi, la pratica della povertà e del silenzio, ma non li preservò dalle incursioni dei saraceni, e intorno al 1235, i frati dovettero abbandonare l’Oriente per stabilirsi in Europa e il loro primo convento trovò dimora a Messina, in località Ritiro.

Nel 1249, fondarono una chiesa a Pisa.

Ma ecco che il 16 luglio del 1251 la Vergine, circondata da angeli e con il Bambino in braccio, apparve al primo Padre generale dell'Ordine, beato Simone Stock, al quale diede lo «scapolare» (dal latino scapula, spalla) col «privilegio sabatino», ossia la promessa della salvezza dall'inferno, per coloro che lo indossano e la liberazione dalle pene del Purgatorio il sabato seguente alla loro morte.

Eravamo nel secolo d’oro delle fondazioni dei principali Ordini religiosi cioè il XIII, il culto per la Vergine Maria ebbe dei validissimi devoti propagatori: i Francescani (1209), i Domenicani (1216), i Carmelitani (1226), gli Agostiniani (1256), i Mercedari (1218) ed i Servi di Maria (1233) !

Da allora, il 16 luglio ricorre una festa mariana molto importante nella Tradizione della Chiesa: la Madonna del Carmelo, una delle devozioni più antiche e più amate dalla cristianità, legata alla storia e ai valori spirituali dell’Ordine dei Frati della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, cioè i Carmelitani.

La festa liturgica della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo o anche del Carmine (in prestito dal corrispondente spagnolo Virgen del Carmen) fu istituita per commemorare l'apparizione mariana che il presbitero inglese Simone Stock asserì essere avvenuta il 16 luglio 1251 (giorno della celebrazione), durante la quale questi avrebbe ricevuto dalla Vergine uno scapolare e la rivelazione di privilegi connessi alla sua devozione.

Simone Stock era all'epoca priore generale dell'ordine carmelitano, sorto sul monte Carmelo in Galilea nel XII secolo.

Tralasciamo le innumerevoli e straordinarie processioni e manifestazioni del nostro Meridione, che si svolgono oggi un po’ dovunque: da Foggia a Trapani, da Palermo a Napoli,: non a caso qui, Carmine è uno dei nome più diffusi in assoluto!

Ed occupiamoci delle tante, insospettate feste più vicine a noi! Ad inziare da:

Oggi è festa a Capannori, comune sotto la protezione della Madonna del Carmelo e che ospita (con il nostro Padre Silverio Coletti, al quale faccio tanti auguri e invio un abbraccio fraterno e amichevole, per i tanti anni e per le tante trasmissioni che abbiamo fatto assieme!) il Convento dei Padri Carmelitani Scalzi: la “Madonnina” come la si conosce comunemente, issata lassù, su un edificio che risente della brutta architettura del boom economico italiano e che comunque ci protegge da lassù dal 1963!

Epoi:

Massarosa: dove la festa del Carmelo, si festeggia la seconda domenica dopo la Pasqua di Resurrezione.

Prataccio (Pistoia): le festività si svolgono il fine settimana successivo al 16 luglio. Il sabato sera si svolge una processione per le borgate del paese, dopo la tradizionale messa. La statua della Madonna è portata a spalla, circondata dagli stendardi storici religiosi. Il giorno seguente si svolge la tradizionale sagra paesana.

Arezzo (AR): il 16 luglio la statua della Madonna viene portata in processione solenne nelle strade chiesa di Santa Maria delle Grazie (Arezzo).

Castiglione di Garfagnana (Lucca): ogni 3 anni, nella domenica più vicina al 16 luglio, nelle strade del castello, viene portata in processione la Madonna.

Ma ci sono festeggiamenti anche al nord:

Chialamberto (Torino), frazione Vonzo: santuario della Madonna di Ciavanis, festeggiamenti la seconda domenica di luglio, con pellegrinaggio la mattina al santuario, posto a circa 1800 m s.l.m., in uno scenario alpino senza paragoni. Poi Santa Messa, incanto con prodotti tipici enogastronomici francoprovenzali a favore dei restauri, e poi polentata sui prati, con pomeriggio danzante. Si tratta di una delle feste religiose più sentite delle Valli di Lanzo, che per i più giovani inizia già il pomeriggio della vigilia, con bevute e canti e notte in tenda davanti al Santuario

Crevalcore (Bologna): fiera paesana la 3ª settimana di luglio di ogni anno.

Cuneo: manifestazione religiosa e laica nel mese di luglio, che culmina con la grande processione solenne nel centro storico, alla quale partecipano 60 confraternite in costume tradizionale, che si svolge il secondo lunedì di luglio, dalla fine del '500

Finalborgo di Finale Ligure (Savona), la statua della Madonna viene tolta dalla cappella della chiesa di San Biagio, quindi, il giorno seguente, viene portata in processione per le strade del borgo cittadino, appositamente addobbate. La popolazione locale ed i turisti seguono con fervore ed emozione la tradizionale processione, che termina con l'esposizione eucaristica nella parrocchia di San Biagio.

Gottolengo (Brescia), si festeggia il sabato successivo al 16 luglio. La statua lignea della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo viene portata in processione dalla chiesa di San Girolamo alla chiesa parrocchiale. Il lunedì successivo in processione viene nuovamente riaccompagnata presso la chiesa di San Girolamo.

Inverigo (Como) la terza domenica di luglio viene festeggiata la Madonna del Carmine come festa del paese, precedono una novena con preghiere e spettacoli vari (a titolo di esempio mostre fotografiche di carattere religioso e concerti d'organo nella chiesa parrocchiale), e nella domenica di festa si tengono la messa solenne, il canto dei vesperi, e la processione eucaristica per le vie del paese con accompagnamento bandistico; durante tutta la giornata di festa si tiene inoltre una fiera merceologica (giunta nel 2014 alla sua 35ª edizione) e una pesca di beneficenza. Alla fine della giornata a concludere il tutto si tiene uno spettacolo pirotecnico.

Laino (Como): Nel mese di febbraio (la domenica dipende dalla Pasqua), viene celebrata la festa della Madonna del Carmine. Il sabato sera dopo la Messa iniziale si accende l'immenso falò fuori dalla Chiesa di San Lorenzo che brucia tutta la notte. La domenica si tiene la Messa e nel pomeriggio dopo i vespri si porta in processione la Madonna per le vie del paese. Seppur la celebrazione dovrebbe tenersi il 16 luglio la festività del paese la si fa cadere tradizionalmente in febbraio; questo perché fino a pochi decenni fa gli uomini del paese e della valle lavoravano stagionalmente in Svizzera tedesca nel campo dell'edilizia e tornavano a casa proprio in inverno.

Luzzogno (Verbania) il 16 luglio o comunque una domenica vicino a questo giorno, ogni anno i bambini che compiono 1 anno, vengono forniti degli abitini del carmelo, come atto di affidamento alla madonna.ogni 50 anni la statua viene trasportata solennemente intorno al paese.la prossima festa sarà nel luglio 2037.

Racconigi (Cuneo): annualmente si celebra novena e messa nel giorno titolare nel luogo in cui la Beata Vergine apparve a un sordomuto nel 16 luglio 1493 ridonandogli parola e udito. Laddove fino al 1802 esisteva un convento dei Carmelitani ora rimane un pilone votivo recentemente eretto in ricordo dell'apparizione mariana. Nel Santuario Reale Votivo Madonna delle Grazie è conservata una statua della Madonna del Carmelo venerata col titolo di Beata Vergine delle Grazie

San Valentino, frazione di Badia Calavena (VR): la festa della Madonna del Carmine dura 3 giorni con triduo di preparazione, musica e fuochi d'artificio. Nella chiesa è visibile una fotografia dei 50 soldati di San Valentino che tornarono tutti a casa dopo la 2 guerra mondiale (1940-1945). Si ritiene fu un miracolo ottenuto a seguito delle speciali preghiere organizzate dal parroco di allora.

Sartirana Lomellina (Pavia): il pomeriggio del 16 luglio le famiglie del paese organizzano tavolate e pic-nic in campagna, la sera ha luogo la processione per le vie del paese; durante tutta la settimana vengono organizzate sagre serali allietate da orchestre.

Sestri Levante (Genova): la mattina della prima domenica seguente il 16 luglio, nella Chiesa di Santo Stefano del Ponte, i Sestresi festeggiano la Madonna del Carmelo o del Carmine che rappresenta "la grande madre delle vigne e dei frutteti". Dopo la messa ha inizio la secolare processione, con la confraternita ed i grandi crocefissi, nel corso della quale la statua viene addobbata con grappoli d'uva fatti maturare in anticipo.

Tolmezzo (Udine): il 16 luglio viene eseguita nella chiesa dedicata a santa Caterina dove alloggia la statua in gesso un concerto di campane suonate a mano dalla sommità del campanile e la domenica precedente o successiva al 16 luglio, nell'ambito dell'antica sagra del Borgat, borgo dove si trova la succitata chiesa, la statua viene portata in processione per le vie del centro città al termine della messa.

Il Cristianesimo ricorda oggi:

Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Sant'Antioco martire

Sant'Atenogene di Sebaste, corepiscopo e martire

Sant'Elerio di Jersey, eremita

Santa Elvira di Ohren, badessa

San Filippo di Mosca, metropolita di Mosca (Chiesa ortodossa russa)

San Giustiniano di Limoges, venerato a Limoges

Santa Maria Maddalena Postel, religiosa

Santi Lang Yangzhi e Paolo Lang Fu, martiri cinesi

Santi Monolfo e Gondolfo, vescovi

Santi Reinilde di Saints, Grimoaldo e Gondolfo, martiri

San Sisenando di Cordova, martire

Santa Teresa Zhang Hezhi, martire

San Valentino di Treviri, vescovo e martire

San Vitaliano da Capua, vescovo

San Vitaliano di Osimo, vescovo

Beate Amata da Gesù (Maria Rosa de Gordon) e 6 compagne, martiri

Beati Andrea de Soveral e Domenico Carvalho, martiri

Beato Bartolomeo Fernandes des Martires

Beato Claude Beguignot, certosino, martire

Beati Giovanni Sugar e Roberto Grissold, martiri

Beate Ermengarda, badessa

Beata Maddalena del Santo Sacramento (Maddalena Francesca de Justamond), vergine e martire

Beato Simone da Costa, gesuita, martire

sice 230x230 

telnet 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

logo dilucca livestream channel

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.