bottone livetv

bottone ondemand

bottone tg

Accadde oggi, 27 Aprile 1859: con la fuga di Leopoldo II, finisce il Granducato di Toscana

27 aprile toscst1

Nel 1737, finita la dinastia dei Medici e a seguito alle infinite guerre che gli stati europei si sono sempre fatti tra di loro, per un compenso diplomatico, il Granducato di Toscana era stao assegnato agli Asburgo-Lorena.

Adesso la Toscana e con essa Lucca, viravano, con dubbi vantaggi e con sicure perdite, verso il nuovo stato "unitario". 

di Daniele Vanni

 

 

Nel 1847 era definitivamente finito l’isolamento di Lucca, prima libero Comune, poi Repubblica, con qualche parentesi di Signoria (anche straniera) infine Ducato, poi confluito nel Granducato di Toscana. Con perdita di autonomia, con accresciuta concorrenza, con la scomparsa di scuole paragonabili ad università, a ricche pinacoteche e tante altre spoliazioni. Oltre all'introduzione di una tassazione del tutto nuova e molto più pesant. Il tutto per appena 12 anni, visto che in questa data, nel 1859 l’ultimo Granduca, Leopoldo II dei Lorena, non proprio decorosamente, e con una fuga non proprio gloriosa, lasciò Firenze ed il potere, alla volta del nord da cui i Lorena erano discesi nel 1737. Dopo poco, l'annessione al Piemonte e la nascita dell'Italia, dove le tasse, - e con un crescendo che non si arresta neppur oggi! - si fecero ancora più pesanti! Il che assommato alla concorrenza di altre regioni, portò all'emigrazione che spopolò la Lucchesia che mai nella sua storia aveva avuto un simile fenomeno!

Il Granducato di Toscana (che alcuni oggi rimpiangono!) fu uno stato indipendente esistito dal 1569 al 1859, sotto la dinastia dei Medici prima e degli Asburgo-Lorena poi riuscendo a conservare la propria indipendenza ed a svilupparsi fino ad essere uno degli stati più prosperi e moderni in Europa. Al plebiscito del 1860 per l'annessione al Regno d'Italia, in confronto con gli altri stati, fu registrato il maggior numero di voti contrari all'annessione.

L’ultimo discendente del ramo principale dei Medici, (benché, forse, illegittimo) fu Alessandro ed ebbe titolo di duca.

Il successore Cosimo, figlio di Giovanni delle Bande Nere, ottenne dal Papa, per il suo contributo alla lotta contro i Turchi ed alla successiva battaglia di Lepanto, il titolo di Granduca. La dinastia medicea reggerà le sorti del granducato fino alla morte di Gian Gastone (1737), quando la Toscana, priva di un erede legittimo, sarà concessa a Francesco III Stefano, duca di Lorena, consorte di Maria Teresa, arciduchessa d'Austria, in base ad accordi già stipulati tra le dinastie europee, soprattutto tra Francia ed Austria dopo la guerra di successione polacca, nel 1735.

All’ex re polacco, parente del re di Francia, fu assegnata la Lorena, ai Lorena per compenso, la Toscana!

Nell'aprile 1859, nell'imminenza della guerra franco-piemontese contro l'Austria, Leopoldo II proclamò la neutralità, ma ormai il governo granducale aveva i giorni contati: in Firenze la popolazione rumoreggiava e le truppe davano segni di insubordinazione.

Il 27 aprile 1859, verso le quattro, davanti a una grande folla tumultuante per le strade di Firenze e all'aperto rifiuto dell'esercito di obbedire al proprio Sovrano, Leopoldo II, per evitare guai peggiori a se stesso ed al suo Stato, partì in carrozza da Palazzo Pitti, uscendo per la porta di Boboli, verso la strada di Bologna.

sice 230x230       telnet 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

Logo DiTV PNG

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.