bottone livetv

bottone ondemand

bottone tg

A VITOIO IL RICORDO DELLA FAMIGLIA RAFFAELLI

RAFFAELLI

Una breve e sentita cerimonia, di raccoglimento e preghiera, si è svolta stamani 1 ottobre 2018 nella cappella della famiglia Raffaelli al cimitero di Vitoio in Camporgiano anche quella recentemente dissequestrata a seguito della sentenza della Corte di Appello di Firenze, che ha visto riuniti alcuni componenti della famiglia di Pietro Raffaelli, con la presenza e l’assistenza spirituale del Parroco di Camporgiano, i quali, dopo la preghiera e la benedizione, hanno depositato un mazzo di fiori in ricordo dei propri cari defunti

I presenti hanno ricordato la tragica giornata di 5 anni fa, 1 ottobre 2013, quando forze speciali, con l’ausilio anche di un elicottero , sequestrarono beni mobili e immobili e quote societarie della mia famiglia.

A 5 anni di distanza la vicenda giudiziaria sta andando alla definizione, lasciando sul campo macerie e distruzione morale, familiare e materiale.

Spero che questa testimonianza sia di aiuto e monito a quanti lottano per l’affermazione della verità e delle proprie ragioni.

Lottare, lottare, lottare.

La verità si afferma solo difendendosi dalle accuse nei processi.

So bene quanto sia dura e umiliante questa strada, quante volte si rischia di farsi prendere dallo sconforto, quante volte le difficoltà rischiano di prendere il sopravvento, quante volte viene voglia di mollare tutto.

Però non ci sono scorciatoie.

Queste mie brevi riflessioni sono in particolare dedicate a tutti coloro che hanno corta memoria e/o lunga malafede e a quella specie (molto diffusa in Italia) di persone dedite ad eroismo che non costa nulla e che, i milanesi, dopo le cinque giornate, denominarono eroi della sesta.

Camporgiano, 01/10/2018

Dott. Pietro Raffaelli

sice 230x230       telnet 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

Logo DiTV PNG

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.