bottone livetv

bottone ondemand

bottone reporter

bottone tg

Vasto incendio alla Cartiera Lucart a Porcari

image preview

L'intervento dei tecnici dell'Agenzia ARPAT tranquillizzarebbe sui dagni ambientali sia dai fumi che per l'acqua usata per spemgere il vasto incendio di balle di carta

 di Daniele Vanni

 
 

 

 


Stamani, giovedì 16 marzo 2017, tecnici del Dipartimento ARPAT di Lucca sono intervenut presso lo stabilimento Lucart di Porcari, nel quale si era sviluppato un incendio, che i Vigili del fuoco hanno domato.

L'incendio si è verificato alle prime ore del giorno per una causa che al momento non è nota.
Ha preso fuoco un deposito di carta da macero. La zona interessata si trova sotto un capannone, che non sembra sia stato intaccato dal calore.

L'incendio ha interessato circa 3.000 metri cubi di materiale, in un'area di circa 600 metri quadri.

Secondo quanto riferito dall'azienda, il materiale bruciato era costituito solamente da macero bianco non plastificato,

Al momento del sopralluogo del personale dell'Agenzia, al di fuori dello stabilimento, in prossimità dei primi recettori, il fumo non era particolarmente denso e l'odore non risultava acre né intenso. Si presentava di colore bianco ed il pennacchio quasi verticale, in quanto, al momento dell'incendio non vi erano particolari condizioni di vento. Visivamente il fumo copriva il piazzale della ditta.

Si stima che, stante le suddette condizioni meteo, la ricadute di eventuale materiale particellare abbiano interessato prevalentemente il piazzale della ditta.

Le acque utilizzate per spegnere l'incendio sono state canalizzate nel bacino di raccolta acque di prima pioggia. La ditta ha comunicato l'intenzione di smaltire le acque utilizzate per spegnere l'incendio come rifiuto.

sice 230x230 

telnet 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

logo dilucca livestream channel

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.