bottone livetv

bottone ondemand

bottone reporter

bottone tg

Il Santo del giorno, 21 Aprile: S. Anselmo, che voleva dimostrare, con il ragionamento, l'esistenza di Dio

21 aprile anselmo

Con questo santo, nato ad Aosta, ma più noto per Canterbury dove morì, Dottore della Chiesa e noto per i suoi "argomenti" a dimostrazione dell'esistenza di Dio, il Sole entra nel Segno astrologico del Toro.

di Daniele Vanni

 

 

Il 21 aprile è il 111º giorno del Calendario Gregoriano (il 112º negli anni bisestili). Mancano 254 giorni alla fine dell'anno.

Il Sole entra nel segno astrologico del Toro.

 

Per la Chiesa invece è il giorno di:

 

Sant'Anastasio il Sinaita

Sant'Anselmo d'Aosta, vescovo e dottore della Chiesa

Sant'Apollonio di Roma, filosofo e martire

Sant'Aristo, sacerdote e martire

San Beuno, abate

San Corrado Birndorfer da Parzham, cappuccino

San Maelrubha di Applecross, abate

San Roman Adame Rosales, sacerdote e martire

San Silvio, martire ad Alessandria

San Simone bar Sabbae, vescovo

San Wolbodo di Liegi, vescovo

Beato Bartolomeo Cerveri, sacerdote e martire

Beato Giovanni de Riano, mercedario

Beato Giovanni Saziari, terziario francescano

Anselmo d'Aosta, noto anche come Anselmo di Canterbury (Aosta, 1033 o 1034 – Canterbury, 21 aprile 1109), è stato un teologo, filosofo, monaco e arcivescovo, considerato tra i massimi esponenti del pensiero medievale di area cristiana. Anselmo, Dottore della Chiesa, è noto soprattutto per i suoi argomenti a dimostrazione dell'esistenza di Dio; specialmente il cosiddetto argomento ontologico (Dio esiste perché il pensiero non può concepire niente di più grande) ebbe una significativa influenza su gran parte della filosofia successiva.

Nato da una nobile famiglia di Aosta, imparentata con i Savoia, se ne allontanò poco più che ventenne per seguire la vocazione religiosa.

Divenne monaco nell'abbazia di Notre-Dame du Bec e, grazie alle sue qualità di uomo di fede e fine intellettuale ne divenne presto priore, e quindi abate. Si rivelò un abile amministratore e, avendo intrattenuto alcune relazioni con il regno d'Inghilterra, all'età di 60 anni ricevette l'importante carica di arcivescovo di Canterbury. Negli anni successivi, dapprima sotto il regno di Guglielmo II, quindi di Enrico I, ricoprì un ruolo rilevante nella lotta per le investiture che vedeva contrapposti i sovrani d'Inghilterra e il papato. Grazie a lunghi viaggi diplomatici in Italia e al suo lavoro politico, svolto in accordo con il programma riformista gregoriano e finalizzato a garantire alla Chiesa l'autonomia dal potere politico, la questione si risolse infine con un compromesso piuttosto vantaggioso per i religiosi.

Anselmo morì il 21 aprile 1109, mercoledì santo, e venne sepolto nella cattedrale di Canterbury.

sice 230x230 

telnet 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

logo dilucca livestream channel

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.