bottone livetv

bottone ondemand

bottone tg

L’emporio dell’olmo, il negozio delle sorprese a Camaiore

tx-base-logo-dilucca.html

Sara Domenici festeggia dieci anni di attività personale come commerciante dell’Emporio dell’olmo, negozio di oggetti e arredamenti d’interno rilevato nel 2007 da Rossana Domenici. Vinta la sfida con la grande crisi, il grazioso locale è pronto per l’esposizione di fine anno con la nuova collezione natalizia. Ma già Sara pensa alla primavera. 

 

 

 

 

di Andrea Boccardo

 

 

A room of one’s own, una stanza tutta per sé. Con questo titolo Virginia Woolf apriva la breccia ad un’intera generazione di letterate femministe, partendo da una stanza nella fittizia università di Oxbridge dove la donna, emancipata da una centenaria cultura maschilista, potesse finalmente vivere del proprio lavoro. Quella stanza in cui la Woolf decostruisce il linguaggio patriarcale sedimentato sulla crosta terrestre fino all’epoca vittoriana, con i suoi ninnoli orientali, le profanazioni esotiche e gli animali intagliati nel legno, rievoca questo speciale Emporio dell’olmo, ubicato in centro a Camaiore, gestito in solitaria da una donna coraggiosa che risponde al nome di Sara Domenici.

 

 

Come la Woolf nei primi anni del XX secolo è riuscita a ridare dignità alla donna parificandone la sua intelligenza libera e creandole attorno un pensiero univocamente femminile, Sara, come tante altre donne di Camaiore e non solo, dona ogni giorno alla città quel senso di dignità fondata sulla creatività e sull’onestà del lavoro. In un contesto economico globale impoverito, privo di spiragli anche per i laureati costretti ad emigrare, la forza di Sara è stata quella di non smettere di credere che ogni donna, ed in definitiva ognuno di noi, possa ottenere il proprio posto all’interno della società.

 

 

L’emporio, situato all’incrocio tra la via di Mezzo e piazza Diaz nel cuore nevralgico di Camaiore, ci accoglie fin da subito con una girandola di colori che profumano di tutta la vitalità e della cura amorevole che Sara determina nell’accostamento degli oggetti messi a disposizione per l’occhio del cliente. I neri con i neri, gli argenti con gli argenti, colori freddi con colori freddi e via dicendo, con lo sguardo che è preso per mano e pilotato nell’ultimo allestimento natalizio scelto da Sara per un calendario d’Avvento ormai alle porte. Dalle candele ai posacenere, dai cuscini alle lampade, ogni singolo oggetto trova la sua stringente ragion d’essere nell’oculata disposizione geometrica scelta da Sara, che è figlia di corsi, studi e viaggi effettuati in Belgio per il rifornimento presso le ditte più avanzate di design.

 

 

 Come nasce Sara commerciante? Proviene dai tuoi genitori? 

 

 

“ Mio padre lavorava come caporeparto all'Enel di Viareggio, ma negli anni ottanta rilevò una pescheria a Torre del Lago per mia madre. Da quel momento hanno cominciato a lavorare gomito a gomito: “ commenta la Domenici all’apertura “ devo molto del mio carattere alla sua forza d’animo e alla grinta che mi ha trasmesso negli anni della formazione. Gli anni in cui ho lavorato con i miei genitori nella pescheria hanno rappresentato una bella esperienza ma avevo bisogno con il tempo di qualcosa di diverso, che rispondesse più alle mie esigenze. “

 

 

Com’è nata questa chicca nel bel mezzo della realtà storica camaiorese?

 

 

“ L’emporio nasce nel 2001, in tempi buoni per l’economia non solo camaiorese ma anche nazionale, grazie all’intuito provvidenziale di Rossella Domenici, la quale ha passato a me il testimone nel 2007. Quest’anno festeggio il mio decimo anno qui e lo considero un risultato importante perché abbiamo attraversato nel pieno la Grande Recessione, con la crisi che ha colpito il commercio nelle province qualche anno dopo il mio ingresso nell’Emporio. Quando ebbi a fare la liquidazione al 30% fu un sacrificio da lacrime e sangue ma vendetti quasi tutto quello che avevo nel negozio. Mi salvai e da lì sono ripartita con entusiasmo. “

 

 

Su quale tipologia di clientela ti sei direzionata nel corso degli anni?

 

 

“ Oggi ho un buon numero di clienti che si fidano del mio gusto. Spesso vado a casa loro e scegliamo insieme quelli che sono i mobili o i soprammobili più adatti a seconda dello stile della casa, ed è bello condividere ad esempio con le giovani coppie una linea di arredamento d’interni. Ovviamente, d’estate si lavora molto con gli stranieri residenti a Camaiore, che scelgono la nostra terra perché qui ancora, a differenza di altri paesi anche della Versilia, si respira l’aria di autenticità, di toscanità e di onestà che è frutto del lavoro di tanti di noi che si impegnano onestamente. “

 

 

Dove ti ispiri per le tue esposizioni stagionali?

 

 

“ Nel mio negozio si possono trovare da ninnoli a pochi euro per fare regali di compleanno o pensieri di Natale, ad oggetti strutturati di design che ovviamente impongono un prezzo più alto. Sono una convinta sostenitrice che la qualità debba essere pagata, e, come vale nei capi di abbigliamento, meglio prendere poche cose di valore che tante cianfrusaglie. Viaggio spesso per lavoro, mi lascio affascinare dalle grandi esposizioni che si trovano in Belgio nei salons, ma non bisogna farsi troppo accarezzare dall’abbondanza, quindi cerco sempre di trovare una linea di gusto che possa piacere e su cui posso affidarmi. Entro la fine di novembre andrò a fare i primi acquisti per la sezione di primavera. “

 

 

Quanto è importante avere la vocazione di commerciante?

 

 

“ Il mestiere al pubblico è qualcosa che hai dentro. Ovviamente, nelle giornate o nei periodi bui è più difficile indossare i panni del negoziante, ma al cliente devi sempre mostrare il lato buono e disponibile di te, perché ognuno ha i suoi problemi ed è giusto che stiano fuori dal luogo di lavoro. Non credo che nessuno andrebbe a farsi visitare da un medico che ci subissa con le sue problematiche fisiche, dolori, doloretti e quant’altro. “

 

 

Passeggiando all’interno del negozio, si ha la sensazione di essere catapultati in un mondo altro, in un atelier parigino vicino a Montmartre o nella vecchia Tegel di Berlino. L’atmosfera cosmopolita ci accoglie infatti nella sua eterogenea descrizione immaginifica, sposandosi in modo ardito con la tradizione di altri negozi storici del centro di Camaiore.

 

 

E non si può che applaudire al piccolo capolavoro di Sara, che con un cestino riempito di amore per il lavoro e coraggio ha affrontato mutui, critiche e diffidenze iniziali per continuare a sognare in grande. Un sogno di emancipazione economica, di indipendenza personale, il sogno per cui ogni donna, e forse ognuno di noi, deve combattere strenuamente. Perché costa fatica trovare il proprio posto nella società, ma alla fine a ciascuno è concessa una stanza tutta per sé. A room of one’s own.

 

 

Andrea Boccardo

sice 230x230 telnet 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

Logo DiTV PNG

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.